Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Info rimpatrio

 

Info rimpatrio

INFORMAZIONI PER I RIMPATRIANTI

Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia
DM MEF 3 giugno 2011
EUROPASS
Pubblicazione - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia


Elenco delle Regioni con le informazioni dei contributi erogati

 

Documenti da presentare al Consolato per il rilascio del certificato di rimpatrio

Documenti obbligatori:

  • PASSAPORTO o carta d'identità ABMELDEBESTÄTIGUNG (attestato di cancellazione anagrafica).

Documenti facoltativi:

  • AUFENTHALTSBESCHEINIGUNG (certificato di residenza)
  • ARBEITSBESCHEINIGUNG (certificato di lavoro) o certificato di disoccupazione o pensione.

Informazioni generiche

Provvidenze regionali

Molte Regioni prevedono l’erogazione di svariate provvidenze per gli emigrati rimpatrianti (contributi spese viaggio e trasporto masserizie, mutui agevolati per l’abitazione e per l’avvio di attività produttive, ecc.). In genere viene richiesto un periodo di residenza e di lavoro all’estero di almeno 3 anni nell'ultimo quinquennio. E’ quindi opportuno presentare al Consolato, oltre ai documenti obbligatori, anche quelli facoltativi, al fine di ottenere un certificato di rimpatrio adatto a richiedere le relative provvidenze regionali.

Masserizie

E’ consigliabile predisporre l’elenco delle masserizie che si importano – elenco che non va vistato dal Consolato! – per eventuali controlli del carico lungo il tragitto. In modo particolare se il trasporto avviene attraverso la Svizzera, al fine di agevolare i controlli doganali, è opportuno che il trasportatore si premunisca del modello T2, da richiedere all’ Ufficio Dogane tedesco (Zollamt)

Autoveicoli

Per l'immatricolazione in Italia (Uffici della Motorizzazione) e l’iscrizione al P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico, presso l'ACI) degli autoveicoli importati, oltre al certificato consolare di rimpatrio eventualmente richiesto, è necessario presentare il KFZ-Brief e il KFZ-Schein debitamente tradotti nonché la Dichiarazione dei Dati Tecnici, rilasciata dal TÜV e vistata dalla KFZ-Zulassungsstelle. Le traduzioni, qualora non vengano effettuate direttamente in Italia bensì da traduttori giurati in Germania, devono essere legalizzate dal Consolato (Ufficio Notarile).

E’ infine opportuno procurarsi alcune fotocopie dell’ “Abmeldebestätigung” per le varie necessità (Finanzamt, Landesversicherungsanstalt, ecc.)


70